le Attività > anno 2019 > Uzbekistan, dal 27 Settembre al 4 Ottobre 2019


 Iscrizioni presso il Teatro Trivulzio, Piazza Risorgimento 19, Melzo  [ Come raggiungerci ]
 tutti i Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle 16.00 alle 18.00 - Informazioni: 333 3909636 / 334 1606471
 Qui puoi visualizzare e stampare il programma dell'evento  attività_2013.pdf
 ** Note Tour Operator  attività_2013.pdf
 ** Polizza annullamento viaggio  attività_2013.pdf

PROGRAMMA

DA SAMARCANDA A BUKHARA SULLA VIA DELLA SETA

1 GIORNO, Venerdì 27 settembre 2019: MELZO - MILANO - URGENCH

A orario da definire ritrovo dei partecipanti a Melzo, piazzale di viale Colombo, trasferimento all’aeroporto di Milano Malpensa ed imbarco su volo di linea delle ore 21.15 diretto a Urgench. Cena e pernottamento a bordo.

2 GIORNO, Sabato 28 settembre 2019: URGENCH - KHIVA

Arrivo in aeroporto a Urgench alle ore 05.45, disbrigo delle formalità doganali, incontro con la guida e trasferimento in hotel. Prima colazione in hotel (check in dopo le ore 14.00). Incontro con la guida e visita dell’antica capitale della Corasmia, primo sito in Uzbekistan ad essere stato nominato Patrimonio dell’Umanità nel 1991. Visita del complesso di Ichan Kala, la città interna con più di venti secoli di storia che conserva ancora intatte le sue tradizioni, caratterizzata da numerose moschee e madrase islamiche. Pranzo in ristorante. Visita della madrasa di Muhammad Amin Khan, del minareto troncato di Kalta Minor, la fortezza Kunya Ark con l’harem e le vecchie prigioni, la bellissima Moschea di Juma, la Moschea del Venerdì costruita nel X secolo ed il palazzo Tosh Hovli, uno dei luoghi più suggestivi della città con il suo harem costruito nella fortezza per le concubine di Khan e quattro terrazzi dedicati alle sue quattro mogli ufficiali. Cena in un ristorante locale. Pernottamento in hotel.

3 GIORNO, Domenica 29 settembre 2019: KHIVA (URGENCH) - BUKHARA

Prima colazione in hotel. Partenza per Bukhara, percorrendo circa 450 km attraverso il deserto di Kyzylkum (sabbie rosse) e al limitare del deserto di Karakum (sabbie nere), che si estende oltre il vicino confine con il Turkmenistan. Insieme il Kyzylkum e il Karakum formano il quarto deserto del mondo per estensione. Pranzo al sacco lungo il percorso. Arrivo nel tardo pomeriggio a Bhukara. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

4 GIORNO, Lunedì 30 settembre 2019: BUKHARA

Prima colazione in hotel. Incontro con la guida e giornata di visita di Bukhara, la città più sacra dell’Asia Centrale, uno dei luoghi più indicati per avere un’idea di come fosse il Turkestan prima dell’arrivo dei russi. Con i suoi 2000 anni di storia, Bukhara è una vera e propria città-museo con magnifici capolavori dell’architettura islamica: la fortezza di Ark, una cittadella regale all’interno della città, residenza degli emiri dal XI secolo sino al 1920; la moschea Bolo-Hauz, costruita nel 1718, luogo di culto ufficiale degli emiri; l’originale Mausoleo Chashma Ayub, costruito tra il XII e il XVI secolo sopra una sorgente fatta scaturire da Giobbe; il massiccio Mausoleo di Ismail Samani, considerato una delle meraviglie di tutti i tempi e caratterizzato da una elaborata muratura in mattoni di terracotta. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio visita al complesso di Kalon con l’alto minareto del XII secolo, un tempo “punto di riferimento” per le carovane che arrivavano dal deserto circostante, la Moschea di Kalon e la Madrasa di Mir-i-Rab; la Madrasa di Ulughbek, decorata con maioliche azzurre e mai restaurata; la cinquecentesca Madrasa di Abdul Aziz Khan, un vero gioiello, le cui stanze un tempo erano destinate agli studenti della scuola coranica. Passeggiata fino a Lyabi-Hauz, la piazza costruita attorno a una vasca del 1620, il posto più interessante e tranquillo della città. Cena nella madrasa Nadir Devonbegi. Pernottamento in hotel.

5 GIORNO, Martedì 1 ottobre 2019: BUKHARA - SHAKHRISABZ - SAMARCANDA

Prima colazione in hotel. Partenza per Shakhrisabz “la città verde”. Piccola località situata a 90 km a sud di Samarcanda. All’arrivo pranzo in ristorante. Visita alle splendide rovine di questa antica e gloriosa città, con oltre duemila anni di storia. Venne costruita secondo un modello tipico dell'alto medioevo con una struttura centrale simile a quelle di Samarcanda e Bukhara ed ha continuato a svilupparsi durante il IX e X secolo nonostante i continui conflitti tra le dinastie samanidi e i turchi. E’ la città natale di Tamerlano e una volta, probabilmente, la sua fama oscurava addirittura quella di Samarcanda. Egli vi fece infatti costruire il Palazzo Ak-Saray (1379-1404) “il palazzo bianco” di cui sbalordiscono la grandezza e la magnificenza. Lo stesso vale per il Dorutilavat (seggio del potere e della forza) che forse arrivava anche a superare in grandiosità lo stesso palazzo, mentre tra le altre attrattive ci sono le tombe degli antenati di Tamerlano e la gigantesca moschea di Kok-Gumbaz (1437) utilizzata come moschea per la preghiera del venerdì. Proseguimento per Samarcanda, la città più famosa sulla Via della Seta. Sistemazione in hotel. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

6 GIORNO, Mercoledì 2 ottobre 2019: SAMARCANDA

Prima colazione in hotel. Intera giornata di visita guidata della città con la famosa Piazza Registan, uno dei monumenti medievali più apprezzati nel mondo, circondata da tre maestose madrase immerse in un crogiuolo di colori di maioliche, mosaici azzurri e mattoni policromi: Ulug Bek ad ovest, Sherdar ad est e Tilla-Kari a nord. Le tra madrase, Patrimonio dell’Umanità dal 2001, furono realizzate in periodi diversi tra loro, dalla  prima metà del Quattrocento fino alla seconda metà del Seicento, da committenti differenti, a testimonianza della sinergia d’intenti profusa dai reggenti di Samarcanda. Pranzo in ristorante. Proseguimento della visita con il Mausoleo Guri Emir (tomba di Tamerlano), caratterizzato da una superba cupola decorata all’interno da cartapesta. Cena in ristorante. Pernottamento in hotel.

7 GIORNO, Giovedì 3 ottobre 2019: SAMARCANDA - TASHKENT

Prima colazione in hotel. Visita con il complesso Shakhi Zinda, una strada interamente affiancata da tombe quasi tutte appartenenti a parenti o favoriti di Tamerlano e Ulug Bek, e dell’Osservatorio di Ulug Bek, scienziato e nipote di Tamerlano che condusse ricerche astronomiche nel XV secolo. Proseguimento della visita con la Moschea BibiKhanum, perla architettonica in gran parte distrutta durante il terremoto del 1897, e il Mercato agricolo di Siab, all’interno del quale colori, odori e sapori riportano il turista indietro nel tempo. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio partenza in treno per Samarcanda. Arrivo in serata. Trasferimento in hotel.  Cena e pernottamento in hotel.

8 GIORNO, Venerdì 4 ottobre 2019: TASHKENT - MILANO - MELZO

Prima colazione in hotel. Visita guidata di Tashkent, capitale economica e culturale dell’Uzbekistan nonché città dalle origini molto antiche ma dall’aspetto prevalente moderno, dopo essere stata quasi completamente ricostruita in seguito al terremoto del 1966. Visita della città vecchia, uno dei rari complessi sopravvissuti alla distruzione: un dedalo di stradine e strette vie su cui si affacciano umili abitazioni in fango e mattoni, maestose moschee e antiche madrase, come quella di Kukeldash, struttura risalente al XVI secolo ai cui piedi si trova il bazar Chorsu, un enorme mercato all’aperto frequentato da migliaia di uzbeki solitamente vestiti con abiti tradizionali. Proseguimento della visita con la piazza Hasti Imam che con i suoi numerosi edifici religiosi rappresenta il cuore religioso della città. Tra questi spicca la madrasa Barak Khan, eretta nel XVI secolo dall’allora governatore della capitale  Nauruz Ahamad Khan. Il nome Barak Khan significa sovrano fortunato ed era il soprannome del governatore perché la sua reggenza era considerata fortunata. L’edificio venne completato nel 1532. La madrasa venne danneggiata dal terremoto del 1868 e poi restaurata. Dal 2007 ospita gli uffici dell’amministrazione spirituale dei musulmani dell’Asia centrale. La cupola è di un bel colore blu e al suo interno vi sono una serie di colori con figure ottagonali. Pranzo in ristorante. Al termine trasferimento all’aeroporto di Tashkent in tempo utile per il disbrigo delle formalità aeroportuali. Imbarco su volo diretto a Milano Malpensa delle ore 16.00. Arrivo alle ore 19.55 e trasferimento in autobus a Melzo. 


Associazione "Melzo Cultura Viva"  © web design & webmaster  Piero Pota